Mostra Fotografica “AD LUCEM” Ostia Siamo NOI

All’interno dell’evento “Ostia Siamo #NOI” del 30 settembre 2018 – una grande occasione per riportare legalità e speranza in un territorio martoriato per anni dalla malavita – Alex Mezzenga sarà protagonista con una Mostra Fotografica “AD LUCEM” che sarà inaugurata alle ore 17.30 presso lo Stabilimento Village di Ostia, lungomare Paolo Toscanelli 197 e precederà la presentazione del libro di Federica Angeli a “Mano Disarmata” delle 19:00

Il progetto si ispira a tutte quelle persone che, come Federica Angeli, si impegnano per vivere in un mondo migliore, senza mafie e ingiustizie. Il sole contro brucia solo gli occhi di chi non vuole resistere e si arrende, per guardare contro luce le ombre del male ci vuole forza, coraggio e perseveranza. Non tutti possiamo essere Federica Angeli, ma tutti possiamo contribuire a sostenere la sua lotta che oggi è diventata anche la nostra.

Le fotografie 50×70 montate su forex potranno essere acquistate con offerta libera a partire da Euro 100,00 il ricavato andrà devoluto interamente per sostenere le attività NOI Associazione AntiMafia

Tutte le informazioni sull’evento completo
https://www.facebook.com/events/669637133421806/

Colombia: Yaneth Valencia una testimonianza di resistenza.

Lei è Yaneth Valencia, Colombiana di Cali, dal 1997 quando le diagnosticarono l’AIDS fu costretta a lasciare l’Universitá, la lincenziarono dal lavoro, la famiglia e gli amici la allontanarono per la sua malattia.Ha deciso di vivere e di lottare, fondando un’associazione che aiuta tutte le donne malate di Aids che vivono in zone dove povertà, ignoranza e discriminazione la fanno da padrona.

Se volete conoscerla Oggi 2 agosto alla Casa Internazionale delle Donne dalle 19:00

Colombia: testimonianze di resistenza + Los3saltos live

Ore 19.00 

– introduzione al contesto colombiano e sviluppi attuali
– Il pacifico colombiano, Cali e le forme di resistenza urbana 

Ore 20.00

Documentario: “Nos estan matando” di Emily Wright / Tom Laffay
https://www.tomlaffay.com/theyre-killing-us/

DOCUMENTARIO “Nos Estan Matando” – Emily Wright e Tom Laffay

Mentre il mondo guarda la smobilitazione delle FARC, in Colombia si stà scatenando un’altra guerra, quella contro i leaders sociali ed i difensori dei diritti umani; le figure chiave per costruire le pace e dar forma alla nuova Colombia. “Nos están matando” è un documentario diretto da Emily Wright e Tom Laffay, e prodotto da Daniel Bustos Echeverry, realizzato in Colombia nel 2017. Segue due leader sociali, uno appartenente ad una comunità indigena Nasa e uno Afrodiscendente, che lottano per i diritti delle proprie comunità mentre navigano accanto alla morte del processo di pace in Colombia: più di 300 assassini dal 2016. ll documentario si svolge nella regione Cauca, territorio che sostiene una quota altissima di questa violenza. Durante un anno sono stati accompagnati due difensori dei diritti umani minacciati: Feliciano Valencia, leader di comunità indigena Nasa che lotta per il diritto alla terra, e Hector Marino, un leader comunitario afrodiscendente che stà provando a costituire un gruppo di autoprotezione di comunità: la Guardia Cimarrona. “Nos están matando” è il grido di protesta dei movimenti social in tutto il paese.

Ore 20.30

Dibattito con Janeth Valenca (Lila Mujer): spunti e riflessioni su esperienze di resistenza tra Roma e Cali

Ore 21.00

aperitivo/cena e musica dal vivo con Los3saltos

ingresso libero

Info http://www.casainternazionaledelledonne.org

Street Photography Workshop

Workshop di Street Photography
“OCCHIO DI FALCO” 

Visione Fotografica e selezione delle fotografie.
diretto dal Fotoreporter Alex Mezzenga

25 – 26 – 27 Maggio

Obiettivo del Workshop:
Stimolare e perfezionare la propria visione fotografica ed apprendere la corretta metodologia per una scelta consapevole e tecnica delle proprie fotografie.

Descrizione:

Man mano che scopriamo il mondo esteriore scaviamo nel nostro mondo interiore. Quello che il fotoreporter Alex Mezzenga si propone con questo corso, in una novità assoluta, è quello di guidare coloro che lo affronteranno verso un vero salto nel buio.
Un salto nel buio dal tempo di uno scatto, supportati da un unico aiuto: il proprio occhio.
Perchè l’occhio vede ciò che la nostra mente suggerisce in base ai nostri vissuti ed al nostro percorso di vita, mentre la macchina fotografica è testimone oggettiva ed implacabile di ciò che esiste.
I nostri cinque sensi influenzano la nostra visione in modo indiscutibile.
Ma la macchina fotografica riprende ciò che si stende davanti al nostro orizzonte e lo ferma per sempre senza alcuna sorta di condizionamento.
Occorre perciò conoscere la macchina fotografica ed il suo funzionamento, ma ci sarà sempre qualcosa  che supererà tempi e diaframmi: il nostro sguardo.

Programma:

1 giorno Venerdi 25 maggio dalle 20 alle 22

  • Presentazione del docente e del Workshop

  • La visione Fotografica: l’importanza di vedere quello che agli occhi degli altri è nascosto.

  • Preparazione alla prova pratica del sabato.

2 giorno Sabato 26 maggio

  • Mattina dalle 9 alle 13: Uscita di gruppo esercitazione pratica.

  • Pomeriggio dalle 15 alle 18: consegna fotografie e analisi del lavoro di gruppo in aula

3 giorno Domenica 27 maggio

  • Mattina dalle 9 alle 13: Uscita di gruppo esercitazione pratica.

  • Pomeriggio dalle 15 alle 18: consegna fotografie e analisi del lavoro individuale in aula, Spiegazione della ottimale metodologia di selezione e scelta delle fotografie.

 

info prenotazioni e aggiornamenti scrivere a
photoacademycromosoma@gmail.com
TEL. 06-45478378 – 340 644 0864
www.cromosomaphotoacademy.it
www.alexmezzenga.com

Via Ferruzzano 46 Metro A-Anagnina

Corso di Fotoreportage e Street Photography

Il prossimo Corso di Fotoreportage e Street Photography diretto dal Fotoreporter Alex Mezzenga   presso la Cromosoma Photo Academyè in programma per ottobre 2018

Presentazione

Un’immagine può raccontare una storia meglio di cento parole. Più foto messe assieme riescono a creare un Reportage ovvero una storia che narra una determinata circostanza, un lasso di tempo, un emozione o un punto di vista. Il corso affronterà i vari aspetti che caratterizzano la fotografia di reportage sia dal punto di vista tecnico e linguistico che dal punto di vista applicativo nei vari sviluppi nel campo della fotografia professionale e d’autore. Un’esperienza per testimoniare la propria sensibilità fatta di invenzione, emozione, pensiero e fantasia con esercizi che svilupperanno la capacità di osservazione, di racconto e di interpretazione di analisi critica sociale, economica e politica per non essere solo spettatori ma protagonisti dei vostri sguardi sul mondo.

Metodologia

Il Corso si sviluppa attraverso strategie che caratterizzano la fotografia di reportage dal punto di vista tecnico e di linguaggio fino al suo utilizzo.

Queste strategie si formulano:

  1. controllo del livello di conoscenza del tema

  2. conferenze e lavoro di discussione in gruppo

  3. testimoni della propria sensibilità a partire dall’invenzione, dall’immaginazione e dalla fantasia

  4. contestualizzazione dello spazio che occupa la fotografia nel discorso giornalistico così come le diversità dell’uso sociale che si fa della fotografia documentale

info prenotazioni e aggiornamenti scrivere a
photoacademycromosoma@gmail.com
TEL. 06-45478378 – 340 644 0864
www.cromosomaphotoacademy.it
Via Ferruzzano 46 Metro A-Anagnina —

2 di 20 lezioni di vita che mi ha insegnato la fotografia

La Fotografia è molto di più che scattare foto.

   Quest’anno festeggerò i miei primi 25 anni di professione, nel 1993 dopo anni di studi ho aperto la mia prima partita IVA e iniziato a lavorare e vivere di fotografia.
Negli ultimi dieci anni, parallelamente al mio lavoro di fotoreporter, ho ideato e diretto corsi e workshop di fotoreportage in Italia e all’estero.
   Mi soffermo su questi ultimi dieci, perchè quando ho iniziato ero inviato in Colombia e in una Università di Bogotà per 2 anni ho insegnato fotogiornalismo.
Da allora non ho piu smesso e ogni volta, dico sul serio, ogni volta che termina un corso o un WorkShop mi rendo conto di quanto la condivisione delle mie conoscenze ed esperienze insieme all’interazione con i miei allievi sia stato un motivo di crescita professionale sicuramente, ma soprattutto personale.
   Da questa esperienza ho appreso che ognuno di noi ha un motivo diverso per amare e fare fotografia. Ho conosciuto persone che la usano come uno strumento per dare sfogo alla loro creatività, per cercare la bellezza dove prima non riusciva a vederla, come un pretesto per guardare il mondo in modo diverso o per intraprendere viaggi e progetti.
Ma ho anche incontrato persone che la fotografia ha permesso loro di superare momenti difficili,distrarsi da problemi che a malapena lasciano spazio per qualsiasi altra cosa e anche conoscere e scoprire se stessi.
   Non ho alcuno dubbio che la fotografia sia un veicolo con la capacità di portarci in molti luoghi diversi, a volte si decide la destinazione in anticipo (o così si pensa) e in altri prende il controllo e ti porta in luoghi lontani che mai avresti pensato di vedere e vivere, ma attenzione, non sempre sono fuori da noi stessi e questa è la cosa più incredibile.

Calendario Corsi e Workshop di Fotoreportage e Street Photography
di Alex Mezzenga

1 di 20 lezioni di vita che mi ha insegnato la fotografia

Un sorriso apre le porte, Il rispetto le tiene aperte.

Lei è Francesca, ha un banco al mercato Via Sannio a Roma e per chi non lo conoscesse vi garantisco che questo è l’ultimo che ha mantenuto l’atmosfera, gli odori e il concetto del mercato delle pulci che a differenza di Porta Portese è aperto tutta la settimana.

Ci venivo negli anni 80 a comprare i Levi’s falsi prima, i maglioni della Navigare dopo ed infine nei 90 le Nike sempre rigorosamente false.
Ogni tanto mi piace tornarci, magari per qualche occasione da prendere al volo, una cinta militare per la macchina fotografica, uno zaino tattico, ma ogni volta rimango deluso, perche a parte il banco di Francesca e un altro paio è diventato uguale a tutti gli altri mercatini bisettimanali di quartiere.

Francesca da trent’anni vende vestiti di tutte le epoche e non per il cinema o il teatro, ma per chi vuole attraverso i suoi abiti eccentrici esprimersi e rendersi unico. L’ho incontrata un sabato mattina passeggiando tra i banchi, non poteva sfuggirmi il taglio di luce che spaccava il banco in due e lei piazzata a mezz’ombra un po’ per scaldarsi e un po’ per proteggersi dalla luce accecante. Avrei potuto fare quella foto come tante altre senza che neanche se ne accorgesse, avrei fermato quel momento e lei non lo avrebbe mai saputo.

Invece, senza pensarci mi sono presentato con un sorriso, macchina fotografica ancora riposta nella custodia, le ho parlato della mia ossessione per la luce, i colori e la fotografia e non potevo non chiederle se avesse voglia di posare per me.

Lo dico spesso durante i miei corsi, è importante capire prima se interagire con i soggetti sia necessario o meno, in questo caso ho sentito la necessità di condividere con lei quella sensazione.
E lei dopo un attimo di imbarazzo mi ha lasciato fare, gli ho girato un po’ intorno, prima ancora ho scambiato altre chiacchiere con lei ed infine ho fatto le foto con la promessa che le avrei presto regalato una copia.

E cosi ho fatto e tra lo stupore e la sorpresa ha guardato quella fotografia e parlato per un bel po’ del suo banco, della sua vita e magari un giorno ve la racconterò in un reportage, ma intanto è stata una bella lezione di vita. Un sorriso mi ha aperto le porte della sua vita, il rispetto le ha mantenute aperte e oggi ho una storia in più da raccontare.

 

Calendario Corsi e Workshop di Fotoreportage e Street Photography
di Alex Mezzenga